Passante di Bologna. Il Comune chiede un Osservatorio ambientale attivo già prima del cantiere

20 Luglio 2017
Rendering inserimento barriere acustiche
La giunta guidata da Virginio Merola ha approvato oggi la delibera con cui il Comune di Bologna esprime le proprie osservazioni alle integrazioni prodotte da Autostrade per l'Italia nell'ambito della procedura di VIA (Valutazione d'impatto ambientale) sul Passante di Bologna. Il documento di 36 pagine ripercorre puntualmente tutti i contenuti del progetto formulando prescrizioni che dovranno essere rispettate nel progetto definitivo, al termine della VIA. Per il Comune di Bologna un elemento imprescindibile è l'istituzione di un “Osservatorio ambientale” che possa essere attivo già prima dell'avvio del cantiere. A questo scopo il Sindaco ha inviato una lettera al ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti invitando il ministero a intraprendere questa azione.

E' importante sottolineare che nell'ambito della procedura di VIA, Autostrade per l'Italia, prendendosi il tempo necessario, ha risposto alla maggior parte delle questioni sollevate dal Comune di Bologna, e fatte proprie dalla Regione Emilia Romagna, andando oltre le richieste di integrazione prodotte dal ministero dell'Ambiente. L'auspicio è che le prescrizioni formulate vengano recepite dal ministero nel parere finale della VIA.

“ Ringraziamo i tecnici del Comune che in questi mesi hanno svolto un lavoro estremamente complesso rispettando sempre con puntualità i tempi previsti – spiegano le assessore all'urbanistica e all'ambiente Valentina Orioli e alle politiche per la mobilità Irene Priolo – Per un progetto così articolato, che comprende sia opere infrastrutturali che di carattere urbano e ambientale, abbiamo lavorato in tempi rapidi, facendoci carico delle richieste dei quartieri e dei cittadini. Ora attendiamo gli esiti finali per avviare con celerità la conferenza dei servizi presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”.