Incidente sul raccordo autostradale provoca un incendio

7 Agosto 2018
 
Aggiornamento venerdì 10 agosto ore 16
Resta chiusa via Elio Bragaglia, nel tratto compreso tra l’incrocio con via Pagni di Lapo Portigiani e quello con via Caduti di Amola, fino al termine dei lavori di ripristino del sovrappasso autostradale danneggiato a seguito dell’incidente di Borgo Panigale. Per consentire le manovre di raccolta rifiuti dei mezzi Hera, viene istituito un divieto di sosta sul tratto di via Pagni di Lapo Portigiani compreso tra il civico 5 e il civico.
 
Aggiornamento giovedì 9 agosto ore 19.30
 
Nell’ambito dei contatti che il Comune di Bologna, tramite il Direttore Generale Valerio Montalto, ha mantenuto in questi giorni con Allianz, la compagnia assicurativa dell'azienda Fratelli Loro SpA, oggi è stato reso noto il numero verde che sarà attivato a favore dei cittadini e delle aziende colpite dall’incidente di lunedì scorso.
Un risultato importante che permette di facilitare le pratiche e dare un riferimento univoco e concreto a tutti coloro che hanno subito dei danni. Il numero verde è 800686868 e corrisponde al call center della compagnia assicurativa.
 
Intanto oggi in una riunione nella sede della Regione Emilia - Romagna, Autostrade per l'Italia ha fatto sapere di essere in grado di procedere alla ricostruzione del viadotto in circa due mesi. “Molto positivo l’esito dell’incontro di oggi nella sede della Regione in cui Autostrade ha più che dimezzato i tempi per la ricostruzione del ponte – dichiarano il Sindaco Virginio Merola e l’assessore alle Politiche per la Mobilità Irene Priolo – la società sta lavorando con grande responsabilità per una soluzione veloce che abbiamo condiviso e che risolverà al più presto i problemi determinati dall’incidente di lunedì scorso”.
 
 
Aggiornamento mercoledì 8 agosto ore 18.30
 
Il Comune di Bologna, attraverso il Direttore generale Valerio Montalto, ha preso contatto oggi con l’avvocato Lucio Zarantonello che rappresenta l’azienda Loro Fratelli SpA, proprietaria dell’autocisterna coinvolta nell’incidente di lunedì scorso sul raccordo autostradale. Il legale ha assicurato che il massimale assicurativo dell’azienda è tale da poter affrontare tutti i risarcimenti. Il Comune di Bologna, attraverso i propri uffici, si impegna a agevolare il contatto tra i singoli cittadini colpiti, le aziende, gli esercizi commerciali e l’assicurazione che gestirà tutte le pratiche di risarcimento. Nei prossimi giorni il Comune farà sapere le modalità operative per intraprendere le richieste di risarcimento.

“Vogliamo essere un tramite concreto per i cittadini che sono stati colpiti dall’incidente – ha detto il Sindaco Virginio Merola – come ho detto ieri siamo al loro fianco e per questo ci siamo dati da fare per capire come sveltire e facilitare le richieste. Mi auguro che tutto si possa concludere nel tempo più breve possibile e con la soddisfazione di tutti”.

Questa mattina il Sindaco e il Presidente della Regione Stefano Bonaccini hanno incontrato gli agenti del nucleo della Polizia Municipale del quartiere Borgo Panigale-Reno per ringraziarli per il lavoro svolto durante l’emergenza; con loro c’erano anche l’assessore Alberto Aitini, il presidente del quartiere Vincenzo Naldi e il Direttore Generale Valerio Montalto.

 

Aggiornamento martedì 7 agosto ore 19

Tutta l'Amministrazione comunale di Bologna è impegnata da ieri nel supporto ai territori e ai cittadini colpiti dalle conseguenze del gravissimo incidente avvenuto sul raccordo autostradale che lambisce Borgo Panigale.

Due le famiglie accolte dal Comune. L'attività del punto informativo
Sono due le famiglie accolte dal Comune, tra quelle che ieri sera non sono potute rientrare nelle loro case che si trovano adiacenti al ponte interessato dall’esplosione: una famiglia è composta da una coppia, l’altra famiglia da una coppia e da due bambini in età scolare. Entrambe le famiglie sono state accolte per la notte di ieri in albergo, a spese dell’Amministrazione comunale, e passeranno in albergo anche questa notte. Entrambe le famiglie sono in affitto e i proprietari dei due appartamenti si sono immediatamente attivati per ripristinare gli alloggi e consentire così ai due nuclei di rientrarvi. L’appartamento della coppia di adulti sarà ripristinato già da domani, pertanto la famiglia potrà tornare nella propria casa da domani sera. L’alloggio del nucleo con i bambini, invece, sarà pronto solo tra dieci giorni perché ha subito danni maggiori. Pertanto per questa notte la famiglia sarà accolta in albergo, mentre da domani, finché non sarà possibile rientrare nel proprio alloggio, sarà ospitata in uno degli appartamenti messi a disposizione gratuitamente da Er.Go, l'Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori dell'Emilia Romagna, all’interno dello studentato di via Gandusio. A questo proposito l’Amministrazione comunale, a nome di tutta la città, ringrazia di cuore Er.Go per la sua disponibilità.
I servizi sociali del Comune da ieri hanno effettuato una ricognizione a tappeto anche tra i feriti ancora ricoverati negli ospedali cittadini e non hanno rilevato ulteriori esigenze assistenziali.
Al punto informativo aperto ieri subito dopo l'incidente dalla Protezione Civile, e che nel corso delle ore è rimasto nel territorio colpito con tanti volontari che si sono alternati ieri fino alla mezzanotte e durante tutta la giornata di oggi, si sono rivolte nella giornata di ieri 160 persone e altre 60 nella giornata di oggi, per segnalare danni alle proprie abitazioni o qualsiasi altro disagio legato all'incidente. Il punto informativo della Protezione Civile è gestito da volontari della Consulta e da questa mattina si trova in via Emilia Ponente all'intersezione con via Caduti di Amola.
E' attivo 24 ore al giorno anche il numero 3284223573 a cui risponde la Consulta Provinciale del Volontariato di Protezione Civile. Finora ha ricevuto circa 40 chiamate. Sono invece 60 le chiamate arrivate al call center del Comune di Bologna che chiedevano informazioni soprattutto su viabilità, strade chiuse al traffico e percorsi alternativi.

I sopralluoghi e le verifiche su edifici e parchi
Arpae ha eseguito già ieri sera i rilievi per analizzare la qualità dell'aria anche in considerazione dei densi fumi sprigionati dall'esplosione. Da un primo riscontro non risultano agenti chimici inquinanti. Sempre ieri è scattata anche la verifica del pronto intervento di Hera sulle condotte interrate e aeree del gas: non sono state riscontrate anomalie né fughe di gas. I controlli da parte di Hera sono stati ripetuti nella giornata di oggi, con strumentazioni più sofisticate in grado di rilevare dispersioni di gas anche infiitesimali, sempre senza riscontrare alcuna anomalia. Per quanto riguarda le utenze private, anche gli edifici più esposti all'onda d'urto non hanno subito danni agli impianti di gas, perché questi erano collocati sul lato opposto delle case. Hera ricorda che il servizio di pronto intervento è sempre attivo 24 ore su 24.
Da ieri i tecnici comunali della manutenzione e la Protezione Civile stanno conducendo sopralluoghi su edifici e aree verdi della zona interessata dalle conseguenze dell'incidente. Sono stati controllati gli edifici pubblici nell'area investita dall'esplosione. Nel centro civico sede del quartiere Borgo Panigale è stata dichiarata inagibile la ex sala consiliare del quartiere in via delle Scuole e sono stati danneggiati e divelti dall'onda d'urto circa dieci infissi dell'edificio. Danni agli infissi e ai coppi di copertura del tetto anche alla palazzina di fronte al centro civico, ex sede della Polizia Municipale oggi dismessa. La scuola dell'infanzia comunale Villa May in via Bragaglia 28, a circa 300 metri dal punto dell'esplosione, ha subito danni maggiori: l'onda d'urto ha deformato i profili di alluminio di tutte le uscite di sicurezza. I tecnici della manutenzione hanno subito attivato l'ordine di intervento al Global Service per mettere in sicurezza questi edifici e procedere con la manutenzione straordinaria extra canone, per un importo ancora non quantificabile. Danneggiati anche gli infissi della scuola primaria Fiorini, in via Emilia Ponente 311, all'angolo con via del Triumvirato. I tecnici hanno comunicato all'Istituzione Educazione e Scuola di provvedere, nei prossimi giorni a verificare lo stato di tutti gli edifici scolastici, anche meno prossimi al luogo dell'evento, per segnalare eventuali ulteriori danni di minore entità.
Questa mattina si sono invece svolti i sopralluoghi sulle aree verdi, che hanno confermato la necessità di procedere all'eliminazione di due platani e un acero campestre in via Caduti di Amola, in corrispondenza dei civici 6 e 6/2. Le piante non sono pericolanti, ma sono state investite direttamente dall'intenso calore sprigionato dall'esplosione, avvenuta a una distanza dalle chiome non superiore agli 80 metri, pertanto non sono recuperabili. Le operazioni di abbattimento, che quindi è una decisione precauzionale, prenderanno il via giovedì 9 agosto e si farà il possibile per concludere i lavori nell'arco della stessa giornata.

Viabilità
La via Emilia sarà aperta nella serata di oggi, martedì 7 agosto: gli aggiornamenti in tempo reale saranno forniti come sempre dal profilo Twitter della Polizia Municipale di Bologna. In mattinata era stato riaperto il Raccordo di Casalecchio tra Bologna Casalecchio e il bivio con A14 in entrambe le direzioni dove il traffico scorre attraverso uno scambio di carreggiata. Aperta stamattina anche la Tangenziale di Bologna tra gli svincoli 3 e 2 in direzione dell'A1, mentre in direzione dell'A14, fino al termine dei lavori di ripristino, si esce allo svincolo 2 Borgo Panigale e si segue il percorso alternativo su strada normale segnalato da cartelli lungo viale Alcide De Gasperi, via Marco Emilio Lepido e il Ramo verde per poi rientrare in tangenziale allo svincolo 3.
La Polizia Municipale è dislocata in forze su tutto il territorio colpito e sono molti gli agenti che ieri, subito dopo l'incidente, hanno chiesto di poter rientrare in servizio dalle ferie o dai turni precedenti per poter dare una mano.

Volontari e solidarietà
Sono moltissimi i cittadini che attraverso i canali informativi del Comune di Bologna si sono resi disponibili a portare il proprio contributo volontario. Molti anche coloro che hanno offerto le proprie case a eventuali famiglie che non potessero rientrare nelle proprie. A tutte e tutti va il ringraziamento più profondo dell'Amministrazione comunale.

 

A causa di un incidente che ha coinvolto alcuni mezzi pesanti e delle auto, accaduto lunedì 6 agosto, si è verificata un'esplosione con un vasto incendio nel tratto autostradale tra Bologna Casalecchio e il bivio con la A14 Bologna-Taranto.

Aggiornamento martedì 7 agosto ore 12.30

Il Sindaco Virginio Merola, dopo aver partecipato in mattinata, in Prefettura, al Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, oggi pomeriggio alle 15 sarà al punto informativo allestito dal Comune in via Emilia Ponente angolo via Caduti di Amola per ringraziare la Polizia Municipale, la Protezione Civile e tutti i volontari che in queste ore sono andati in aiuto della popolazione colpita dall'incidente avvenuto ieri nel raccordo autostradale. Il Sindaco visiterà anche alcuni esercizi commerciali che hanno subito danni molto ingenti.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha telefonato questa mattina al Sindaco Virginio Merola per informarsi della situazione ed esprimere la sua vicinanza alla città di Bologna.

Questa mattina il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è recato all’Ospedale Maggiore per fare visita ad alcuni feriti, tra di loro anche dei soccorritori, e ha ringraziato il personale sanitario. Per il Comune di Bologna, era presente la vicesindaco Marilena Pillati.
 

Aggiornamento martedì 7 agosto ore 11

Via Panigale è stata riaperta al traffico veicolare per i residenti. Per chi ha bisogno di segnalare problemi il gazebo informativo si trova ora in via Emilia Ponente, all'angolo via Caduti di Amola. Sempre attivo anche il numero della Protezione Civile 3284223573. Il Raccordo di Casalecchio tra Bologna Casalecchio e il bivio con A14 è stato riaperto in entrambe le direzioni. Il traffico scorre attraverso uno scambio di carreggiata. Aperta anche la Tangenziale di Bologna tra svincoli 3 e 2 in direzione dell'A1, rimane invece chiusa in direzione dell'A14. 

I tecnici della manutenzione stanno controllando tutto il verde in zona per evitare cadute di rami o alberi, stanno ripristinando con Enel l’illuminazione e stanno controllando sedi di quartiere, centri sociali e scuole. Nella giornata di ieri erano operativi anche 25 volontari coordinati dalla Consulta provinciale del volontariato. Anche oggi cinque volontari per turno si alternano al punto informativo. 

 

Lunedì 6 agosto

"Prima di tutto esprimo il mio cordoglio a nome di tutta la città alle famiglie di chi ha perso la vita in questo gravissimo incidente e rivolgo un pensiero ai feriti, tra di loro ci sono anche diversi soccorritori che non hanno esitato di fronte ai rischi che stavano correndo - ha detto il Sindaco Virginio Merola - . Ringrazio con il cuore tutte le persone che hanno prestato i soccorsi e si sono date da fare, abbiamo di fronte una grande tragedia che ha coinvolto non solo un tratto autostradale ma un quartiere della nostra Bologna. Il Comune, attraverso gli uffici e gli assessori competenti, è al lavoro per fare tutto ciò che è necessario in coordinamento con le altre istituzioni. Come sempre Bologna sa reagire e agire, questa è la forza della nostra città".

Il Comune ha partecipato con il Capo di Gabinetto, Valerio Montalto, al vertice operativo in Prefettura per coordinare le operazioni di intervento. 

Il tratto autostradale interessato è stato chiuso in entrambe le direzioni.  Per ragioni di sicurezza è stato necessario chiudere anche vari tratti di tangenziale. L'esplosione ha determinato il crollo della soletta di un tratto autostradale sopra la via Emilia. 

L'assessore alla Sicurezza urbana integrata, Polizia Municipale e Protezione civile, Alberto Aitini, si è recato sul posto, dove sono intervenuti i Vigili del Fuoco. Alle 17, i Vigili del fuoco hanno concluso le operazioni di spegnimento, 

Per quanto riguarda le ripercussioni sulla viabilità cittadina il tratto di via Emilia Ponente - Marco Emilio Lepido compreso tra le vie Della Pietra e Cavalieri Ducati e le laterali accedenti sono chiuse al transito. E' possibile l'accesso solo ai residenti. Il percorso alternativo sulla direttrice De Gasperi-Togliatti è percorribile sia in direzione centro sia verso la periferia. In alternativa, per la direzione si può percorrere via Persicetana e imboccare il ramo verde della tangenziale. La chiusura di via Marco Emilio Lepido comporta le seguenti deviazioni dei bus Tper

La Protezione civile e la Polizia Municipale del Comune di Bologna hanno allestito un gazebo informativo, che si trova attualmente in via Emilia Ponente angolo via Caduti di Amola, dove tutti i cittadini che abbiano bisogno possono segnalare problemi e chiedere aiuto. Sul posto si trova anche un'ambulanza. Il presidio è rimasto attivo fino alla mezzanotte e ha riaperto alle 7.30 di martedì 7 agosto. Nel frattempo è stato attivato un numero della Protezione Civile che risponde 24 ore al giorno: 3284223573. Al gazebo e al numero di telefono possono rivolgersi tutti i residenti della zona che ritengono di aver subito danni alla propria abitazione. Intanto tutti i cittadini che hanno chiesto aiuto sono stati accolti e sistemati per la notte. 

La Polizia Municipale fa sapere che gli anziani che non possono rientrare nelle loro residenze sono accolti presso il Centro Sociale Il Parco di via Edgard Allan Poe 4, tel. 051 567405. Sono in corso verifiche da parte di Polizia Municipale, Vigili del fuoco e Protezione civile sulla presenza di persone nelle case e sull'agibilità degli edifici delle vie Caduti di Amola, Panigale, Marco Celio e Bragaglia.

Tutte le informazioni di viabilità su @PmBologna su Twitter e @Twiperbole, su @CCISS Ministero e @poliziadistato.