Aggiornamento del servizio Iperbole mail

14 Marzo 2017

Mercoledì 22 marzo verranno migrate su una nuova piattaforma circa 4000 caselle di posta Iperbole mail e verrà adottato un nuovo strumento di webmail per la consultazione della posta.
Il nuovo strumento sarà Zimbra (versione open 8.7.2), dotato di un’interfaccia web aggiornata, intuitiva e più funzionale. Una volta effettuato l’accesso suggeriamo di consultare la "Guida del prodotto”, disponibile nel menù in alto a destra, all'interno dell'area profilo.

Il passaggio viene fatto anche per:

  • migliorare alcune funzionalità, quali l'antispam e l'antivirus;
  • migliorare la configurabilità del proprio account;
  • ampliare la dimensione della casella, che potrà raggiungere la dimensione massima di 1GB.

Verranno migrati sulla nuova piattaforma esclusivamente gli utenti attivi, cioè coloro che hanno effettuato almeno un accesso negli ultimi 12 mesi, mentre tutte le altre caselle di posta (ormai non più utilizzate) verranno mantenute consultabili nell'attuale piattaforma per un periodo di tre mesi e poi dismesse. Per poter accedere alla propria casella di posta si potranno utilizzare le attuali password.

Il cambio di piattaforma non prevede la migrazione della posta pregressa della propria casella, pertanto nel caso si voglia salvare i vecchi messaggi occorre:

  • scaricarli in locale utilizzando un programma di posta (come Microsoft Outlook, IOS Mail, Mozilla Thunderbird) entro il 21 marzo
  • inoltrare i messaggi da conservare a un altro account email personale che l'utente possiede.

Dal 22 marzo la vecchia posta sarà raggiungibile solo per tre mesi all'indirizzo http://webmail2.iperbole.bologna.it/, utilizzando le attuali password.
Dal 22 giugno non sarà più possibile accedere a questo indirizzo.

Nel caso qualche utente avesse precedentemente configurato l'inoltro ad altra casella di posta dovrà provvedere a riconfigurarlo sulla nuova piattaforma.

Eventuali problemi possono essere segnalati a: bolognamail@criticalcase.com

Immagine con licenza CC (Fonte Pixabay)