2-Segnalazione Certificata Inizio Attività per subingresso in proprietà o in gestione dell'attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande

Il subingresso per atto tra vivi può avvenire nelle forme di cui all'art. 2556 cod. civ. tramite contratto di compravendita, donazione, usufrutto, comodato o affitto d'azienda redatto in forma pubblica o scrittura privata autenticata, depositato per l'iscrizione nel Registro delle imprese nel termine di 30 giorni dalla sottoscrizione.
In caso di cessione d'azienda con patto di riservato dominio, cioè previsione di rientro in possesso dell'azienda del cedente per mancati pagamenti concordati da parte del compratore, l'esistenza di detto patto va dichiarata al Comune per le possibili conseguenze amministrative collegate.

Il subingresso a causa di morte
avviene per successione ereditaria.
Il trasferimento della gestione o della titolarità di un esercizio di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande comporta la cessione dell'autorizzazione all'avente causa e la decadenza in capo al cedente, sempre che sia provato l'effettivo trasferimento dell'attività e che il subentrante sia in possesso dei requisiti professionali
In caso di subingresso a causa di morte il possesso dei requisiti professionali deve essere dimostrato entro 6 mesi dalla morte del titolare dell'attività, salvo proroga in comprovati casi di forza maggiore.

La casistica di "subingresso" comprende anche le ipotesi di ritorno della titolarità dell'azienda in capo al proprietario dell'autorizzazione concessa in affitto per un determinato periodo, al termine del quale il proprietario intende tornare a gestire la propria attività (reintestazione).

La SCIA per subingresso costituisce autorizzazione all'esercizio e dalla data di presentazione può essere iniziata l'attività di somministrazione.
L'area del chiosco deve essere comunque a norma dal punto di vista igienico-sanitario e quindi deve essere presentata apposita comunicazione all'Azienda USL competente. Occorre inoltre richiedere anceh il rilascio di nuova concessione di suolo pubblico da parte di chi subentra, dichiarando la regolarità dei pagamenti del canone di occupazione di suolo pubblico.

Requisiti:
Possesso dei requisiti morali e professionali (vedi apposita sezione qui lincata) e degli artt. 11 e 92 TULPS - R.D. n. 773/1931
I locali devono possedere i requisiti in materia edilizia, urbanistica, igienico-sanitaria, di inquinamento acustico e di sorvegliabilità.

TRATTENIMENTI MUSICALI
I trattenimenti musicali nei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande sono disciplinati dal
“Regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose temporanee”, approvato con delibera di Consiglio del 20/05/2013 Pg. n. 71732, e dalle nuove "Disposizioni procedurali per lo svolgimento di manifestazioni aperte al pubblico e delle altre attività rumorose temporanee" approvate con Deliberazione di Giunta P.G.n. 109732/2014 - n. 108/2014.

I  pubblici esercizi che  intendano svolgere, in modo ricorrente e/o periodico, le attività di piccolo intrattenimento musicale senza ballo, con diffusori aventi un livello di potenza superiore a 20W RMS, in locali con capienza ed afflusso non superiore a n. 100 persone, sono soggetti a presentazione di specifica Segnalazione Certificata d’Inizio Attività  (S.C.I.A.).
Tale SCIA deve essere corredata di:
- dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà di cui all’art. 8, comma 5, della Legge n. 447/1995 inerente la previsione di impatto acustico redatta da tecnico competente in acustica ambientale;
- relazione/asseverazione da parte di tecnico abilitato relativa al rispetto dei requisiti di idoneità statica dei locali per l’uso cui sono destinati, nonché di rispetto dei requisiti di fruibilità delle vie di esodo da parte degli avventori e dell’esecuzione a regola d’arte degli impianti installati.

Sono soggetti alla presentazione  di detta S.C.I.A. anche coloro che subentrano in una attività già in essere.

L’installazione ed utilizzo all’interno di pubblici esercizi di impianti per la diffusione sonora, compresi apparecchi televisivi, non per musica dal vivo sono soggetti alla presentazione di SCIA.

 

Riferimenti organizzativi
Dirigente Unità Intermedia Attività Produttive e Commercio: Pierina Martinelli
Responsabile Unità Operativa Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive: Tiziana Spedicato
Responsabile del Procedimento: Pierina Martinelli

Competenza

Settore Attività Produttive e Commercio
  • Responsabile direzione: Pierina Martinelli